Cibo: La Vita Condivisa - 15-19 Settembre 2015 - Facoltà di Medicina Veterinaria (MI)

Grazie al partner EU Pavilion, nel pomeriggio di mercoledÌ 16 settembre le lezioni si terranno presso il Padiglione UE in EXPO. Seguirà una visita guidata al Padiglione.

Nasce la prima Summer School dedicata alla ricerca di una nuova prospettiva attraverso la quale guardare al cibo e alle conseguenze etiche delle scelte alimentari, organizzata da Paola Fossati (Università di Milano) e Alma Massaro (Università di Genova).
Un'occasione per acquisire un sapere critico in merito al cibo di origine animale, investendo in conoscenza attraverso la partecipazione a un'esperienza formativa, che sarà luogo di incontro e di lavoro con docenti, esperti e altri studenti e, quindi, un'opportunità di crescita culturale, professionale e anche umana. La Summer School, patrocinata dal Comitato Scientifico per EXPO 2015 del Comune di Milano e in accordo con il suo slogan "cibo è vita", focalizza il programma di studi sulla individuazione del cibo di origine animale come "vita condivisa" e moltiplicazione di responsabilità.
In tale ottica, si propone l'obiettivo di sensibilizzare i partecipanti sulla sostenibilità delle scelte alimentari, guidandoli a percepirle oltre la funzione primaria di garanzia di sopravvivenza o appagamento sensoriale, per apprezzarne le conseguenze socio-economiche e, non da ultimo, etiche. Nella concezione del programma è stato adottato un approccio multidisciplinare, coinvolgendo docenti che provengono dal mondo accademico e istituzionale, dalla Commissione europea, dalle Associazioni. La Summer School si articola in lezioni frontali e workshop; promuoverà momenti di riflessione, confronto e dibattito. I temi proposti comprendono:
- le sfide della produzione del cibo
- il cibo come atto sociale
- l'approccio filosofico/teologico all'atto di alimentarsi
- l'approccio economico/giuridico all'atto di alimentarsi.

Chiuderà la School una tavola rotonda, alla quale interverranno esponenti del mondo accademico e delle Associazioni. Dedicata a giovani laureati, dottorandi, specializzandi, ricercatori e professionisti, cultori della materia, la Summer School è aperta a un massimo di 30 partecipanti.

image1

L'elemento "cibo" è integrato in ogni cultura e integra, a sua volta, molti e diversi valori culturali, spesso ispirati anche dalle religioni. La conseguenza è che esso può venire, e di fatto viene, interpretato in altrettanti modi. Per questo non è corretto proporre un codice universale dell'alimentazione ma, piuttosto, lo è ripensare la connessione tra "il nostro cibo" e "da dove proviene tale cibo".

La Summer School intende guidare i partecipanti nell'acquisizione di un sapere critico in merito all'alimentazione umana, con riferimento a produzione e consumo di cibi di origine animale, esplorandone gli aspetti socio-culturali, la disciplina normativa, ma anche la dimensione morale implicita.

Logo Ateneo di Milano